Il successo nello studio

Il difficile periodo che abbiamo appena attraversato, la didattica a distanza, la mancanza di un rapporto costante e diretto fra alunni e insegnanti, ha messo in evidenza l’importanza per gli studenti di acquisire, sin dalla scuola primaria, un metodo di studio efficace e strategico, che promuova una maggiore autonomia nella gestione ed organizzazione dello studio.

Oggi si sottolinea l’importanza della qualità dell’apprendimento, piuttosto che della quantità, si privilegia la comprensione ed interiorizzazione piuttosto che la mera acquisizione mnemonica e il nozionismo. Tuttavia questo processo non è immediato, richiede impegno e soprattutto lo studente deve “imparare a studiare”.
Il percorso scolastico sarà tanto più lineare e sereno, quanto più gli alunni avranno imparato precocemente un metodo di studio. Far acquisire gli strumenti necessari per “imparare ad imparare” è uno dei primi obiettivi che deve prefiggersi la scuola.

Un efficace metodo di studio accompagnato da motivazione, abilità cognitive e metacognitive, strategie di apprendimento e mnestiche, costanza e impegno saranno propedeutici a una carriera scolastica di successo.

Soffermiamoci un momento su motivazione e impegno.

La motivazione è fondamentale sia dal punto di vista didattico, sia da quello emotivo, è alla base della concentrazione e aiuta a visualizzare i benefici che si possono trarre dall’aver studiato: prendere bei voti, passare un esame, conseguire i propri obiettivi. La mancanza di motivazione unita allo scarso senso di urgenza e alla paura di uscire dalla nostra confort zone, sono i tre fattori chiave che alimentano la pigrizia nello studio.

Parliamo ora di impegno, termine spesso sottovalutato nel contesto scolastico e la cui carenza determina insuccesso. Lo studio implica impegno, che da una parte è fatica, sforzo, ma dall’altra è curiosità, passione per l’apprendere cose nuove, crescita.
Quando ci si applica allo studio con impegno e motivazione, si potenzia la capacità di elaborazione attiva, la proattività. Ci si pone in maniera attiva e creativa difronte a quanto si deve apprendere sfruttando abilità cognitive come l’attenzione, la concentrazione, la comprensione, il desiderio di riuscire.