Estratto intervista su Angoli Espansione TV 25 giugno 2021 – 1 di 5

Tele-riabilitazione e Parent coaching
La particolare situazione causata dal COVID-19 e il conseguente distanziamento sociale, hanno sradicato abitudini e stili di vita. Abbiamo così dovuto percorrere nuove strade e costruire nuove alleanze che ci hanno fatto scoprire come la tecnologia possa essere uno strumento vincente per abbattere le distanze e non perdere di vista i nostri obiettivi.

Cos’è la tele-riabilitazione?
La tele-riabilitazione rappresenta un esempio di come le nuove tecnologie possano abbattere le distanze facilitando la comunicazione e consentendo il mantenimento o l’instaurazione della relazione terapeutica a distanza. La tele-riabilitazione utilizza le tecniche di telecomunicazione per fornire a distanza servizi di educazione, consulenza neuropsicomotoria, terapia neuropsicomotoria e riabilitativa. La tele-riabilitazione impiega le tecnologie informatiche (pc o cellulare) a casa e nell’ambiente di vita del paziente ai fini del percorso terapeutico..

Quali sono i vantaggi della tele-riabilitazione?
La tele-riabilitazione fornisce alla famiglia obiettivi specifici su cui lavorare, una nuova routine casalinga, un appoggio professionale e al tempo stesso permette al terapeuta un accesso diretto, reale e concreto all’interno delle dinamiche famigliari. E’ come se il terapeuta potesse aprire una finestra sul mondo del piccolo paziente. La terapia a distanza permette di “entrare” meglio nella realtà quotidiana del soggetto. Per i genitori è un concreto strumento di “conoscenza” in quanto possono sperimentare direttamente un nuovo modo di approcciarsi al figlio, possono imparare nuove tecniche per aiutare e facilitare il loro percorso riabilitativo. Gli obiettivi terapeutici vengono applicati alla quotidianità. Spesso si usano giochi e materiali che sono a casa del bambino e questo aiuta i genitori a ricostruire dinamiche corrette anche in assenza del terapeuta..